Notizie dal ritiro di Riscone di Brunico

venerdì, 22 luglio 2011 Nessun Commento   Pubblicato in Comunicazioni ai Soci, detto tra noi

Come è ormai tradizione i nostri Soci seguono  la nostra amata squadra già dal ritiro precampionato.

Anche quest’anno a Riscone di Brunico sono presenti numerosi Soci; nelle foto, apparse sul quotidiano ” Il Romanista” le nostre impavide socie Gloria e Lucia si fanno fotografare  con il giocatore Taddei,  mentre leggono il quotidiano e con i …due Capitani.

DSC00171DSC00179

Continua a leggere »


…piccoli tifosi crescono

lunedì, 7 marzo 2011 Nessun Commento   Pubblicato in detto tra noi

Nel corso della partita Roma – Parma allo Stadio Olimpico, il 27 febbraio scorso, Valentina e Francesco, figlia e nipotino del nostro socio Massimo De Laurenzi hanno partecipato quali “mascotte” entrando in campo accanto ai giocatori. Complimenti da tutti i Soci !!

!IMG_2326IMG_2337


UNA GITA A…

venerdì, 31 ottobre 2008 Nessun Commento   Pubblicato in detto tra noi

di Massimo Palombelli, per tutti noi: il Banale

.

Tranquilli, non è un cruciverba ma

la Cronaca semiseria di una serata tra amici.

Se la cenA è a base di funghi porcini, l’appuntamento non può che essere sotto “il fungo” all’Eur, ringraziando La sorte che non si è deciso di pasteggiare a fichi d’india altrimenti per l’incontro Ci sArebbero poTuti essere grossi problemi.

DestinAzione XXXX un tempo meta di furori giovanili alternativi ora luogo radical chic, come si usa dire.

Il tutto organizzato magistralmente, as usual, da Enzo Del Poggetto e le sue valide colonne, Cinthia e company, per festeggiare il primato in classifica della magggggica….no, mi sa che il motivo era un altro.

Sì, ora ricordo, l’occasione per stare insieme, ancora eccitati dalla trasferta di Londra, è per festeggiare un anniversario di matrimonio (evento che con il passare delle generazioni diventa sempre più raro, personalmente oramai partecipo a cene di anniversari di …divorzi), più varie ed eventuali.

Tra le prime ad arrivare Gloria, che si è fatta curare un calletto dal dottor Brozzi e ne avrà per almeno un mese, tra gli ultimi (anzi proprio per ultimo) Enzo impegnato a scrivere con Zingaretti la sceneggiatura di una puntata del ritorno di Montalbano: la vendetta.

Viaggio sereno all’andata con gli autisti di sempre, traghettatori di mille trasferte, che in solo sei ore ventinove minuti e diciotto secondi ci hanno portato sul cucuzzolo di XXXX, benedetto traffico. Del ritorno non saprei dire poiché ciucco mi sono addormentato (spero di non aver russato) al momento dell’accensione del motore, cullato dalla soave vocina di Mara, Dio la benedica, che è riuscita a entrare nel guiness dei primati per il più lungo discorso senza interruzioni.

In mezzo, tanto divertimento con una preoccupatissima padrona di casa poco incline a frizzi, lazzi e abbassi lazzie…poco male visto che il cibo è stato all’altezza delle aspettative.

Accanto a noi una famiglia di anoressici (180 kg lui, 170 lei, 130 il cuccioletto), tifosi dei cuginastri, non ha molto apprezzato il conclave, cose che capitano ai tifosi senza un capitàno.

Chiacchiere amabili e alla fine foto di rito con l’agognata torta squagliatasi dal tanto amore che la coppia di festeggiati trasmetteva.

E così archiviamo questo ulteriore incontro necessario, a maggior ragione in questo momento, per rinsaldare l’amicizia e la voglia di stare insieme nel nome della nostra amatissima squadra che quest’anno più che mai ci sta facendo soffrire.

Grazie Enzo e signora, grazie Cinthia, grazie a tutti….e mi raccomando, la prossima volta sotto le dieci ore di viaggio non prendiamo in considerazione nessuna località.

Max, il banale

p.s. Avete indovinato dove siamo andati?????


L’ amore è

sabato, 21 giugno 2008 6 Commenti   Pubblicato in detto tra noi

di Massimo Palombelli, per tutti noi: il Banale

Giorni fa ero alla cena di fine anno del RC Eur Torrino “Federica Del Poggetto”, classica serata che esalta il concetto “non è importante dove si sta ma con chi si sta”. Quattro tavolacci, piatti e bicchieri di carta, ottima cucina, il sapore delle cose vere come reciterebbe uno degli spot destinato alla famiglia media italiana, se ne esistesse ancora una. Il filo conduttore ovviamente i ricordi della stagione appena conclusa, per noi iniziata all’alba del 17 Agosto quando, macinando kilometri (ad una velocità non esaltante a dire il vero), andammo a prenderci la Supercoppa, fino ai racconti delle trasferte più recenti con lo sguardo al futuro prossimo e alla Roma che verrà, con la fiducia di sempre.

È stato un incontro di quelli che ti fa riflettere, rimuginare, su come in fondo la Roma non sia che il pretesto per vivere, e condividere, emozioni, sogni, speranze… ma anche per sostenersi nei momenti meno felici della vita quotidiana, magari addolcendoli con una fetta del ciambellone fatto da Cinthia, col th come direbbe Verdone. Questo è solo un esempio per dire come dietro la Roma ci sia comunque molto, a prescindere dai campioni che indossano la sacra maglia raramente cogliendo cosa essa rappresenti, che non è solo calcio. Forse è quello che si dovrebbe tentare di recuperare, cercando di frenare il dilagare di mostruose figure che si nascondono dietro nick improponibili ed sms pesantemente offensivi, ragazzi troppo spesso arroganti e presuntuosi, convinti di possedere la soluzione finale a tutti i problemi calcistici, autoesaltandosi per i loro consigli tecnici il più delle volte grotteschi figli di un pout pourri radiofonico neanche assemblato con coerenza, e la cui invidia e frustrazione traspare nella cattiveria con cui si propongono, che non giova a nessuno… quelli che dovrebbero essere spazi comuni per ritrovarsi tra coloro con lo stesso minimo comun denominatore sono invece palestra del corpo a corpo da tastiera, dove ogni acquisto, trattativa o semplice voce è pretesto per fiumi di veleno.

Raramente si tratta di gente in grado di capire cosa significa alzarsi al primo chiarore dopo aver dormito poco dalla tensione, prendere la sciarpetta e i panini preparati dai genitori la sera prima, vedersi al posto X, osservare il pullman che diventa metro dopo metro più grande, darsi il cinque con tanta voglia di stare insieme e divertirsi, pensando alla Roma. Difficilmente è gente che sa cosa significa ritrovarsi tutte le domeniche negli stessi luoghi , con le stesse persone, percorrendo la stessa strada, compiendo i medesimi gesti, evocando riti, scaramanzie che vanno oltre la presenza in campo di Ronaldinho o Mezzasegavic. Si è. Per amore (e questa categoria di tifosi esiste, ovviamente, in tutte le squadre).

Ecco quindi, tornando all’incipit del pezzo, il significato della cena di fine anno che mi ha visto spettatore emotivamente coinvolto, è un riavvolgere il filmino per viverlo nuovamente colmo di episodi marginali, non importa se il giocatore Y ha disdetto all’ultimo momento per un impegno inderogabile o magari è presente con quell’aria scocciata che vuol significare “ma dove sono capitato”….e già, per una volta dovrà essere testimone lui di gente famosa, da quello che beve 10 borghetti prima di ogni gara a quello che evita le strade che iniziano con una certa lettera, dalla tifosa che si rifiuta di preparare la cena al marito laziale se la magica perde a tutti quelli che ogni anno si adoperano per portare un sorriso ai bambini del Sant’Eugenio. La stagione finisce così, non con la Coppa Italia sospesa in cielo tra le mani dei giocatori festanti, ma intorno a un tavolo tra grasse risate, aneddoti curiosi, nascosti tra le bottiglie di grappa e limocello, convinti che il prossimo sarà l’anno buono… nonostante Servidei e Cesar Gomez coppia centrale.

il Banale